Pressione alta, 3 modi per abbassarla in maniera naturale

Comment

Salute

La pressione alta è un problema di salute che merita grande attenzione ma, fortunatamente, nella maggior parte dei casi è possibile procedere con un atteggiamento proattivo che – mediante semplici accorgimenti – arriveranno a produrre buoni risultati nel medio termine.

Ridurre l’assunzione di sodio

Alcuni gruppi di persone – anziani, afroamericani e persone con una storia familiare di alta pressione sanguigna – hanno più probabilità di altri di avere una pressione sanguigna particolarmente sensibile al sale. Ma poiché non c’è modo di sapere se una persona è a rischio, tutti dovrebbero consumare meno sodio.

Ma quanto in basso si dovrebbe scendere? L’obiettivo dovrebbe essere quello di mantenere l’assunzione di sodio sotto i 1.500 mg per una pressione sanguigna sana. Naturalmente, andarci piano con la saliera può aiutare, ma si otterrà un effetto ancora maggiore guardando il conteggio del sodio in alimenti confezionati o trasformati, prestando particolare attenzione a pane e panini, pizza, zuppa, salumi, pollame e panini, che tendono a confezionare il maggior numero di sale.

Il cioccolato fondente aiuta

In media, il consumo regolare di cioccolato fondente potrebbe aiutare ad abbassare la pressione sanguigna sistolica (il numero più alto) di 5 punti e la pressione diastolica (il numero più basso) di quasi 3 punti. Naturalmente, mangiare cioccolato non dovrebbe essere la strategia principale per abbassare la pressione sanguigna! Tuttavia, se si ha voglia di un po’ di dolce, è su questo alimento che si dovrebbe puntare.

Contenere gli alcolici

Troppi alcolici possono aumentare la pressione sanguigna. Ma berne solo un po’ potrebbe fare il contrario. Il bere da leggero a moderato (ovvero, una bevanda o meno al giorno) è associato a un minor rischio di ipertensione nelle donne, secondo quanto ci dice una recente ricerca del Brigham and Women’s Hospital di Boston. Il bere moderato potrebbe avere un ruolo anche nella prevenzione delle malattie cardiache, come dimostrano gli studi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi