Dieta vegetariana: può abbassare il rischio di diabete di tipo 2

Comment

Mangiare sano
Colesterolo

ColesteroloL’approccio a una dieta vegetariana potrebbe aiutare ad abbassare il rischio di diabete di tipo 2, suggerisce una nuova ricerca, che sottolinea come il collegamento tra le abitudini alimentari a base vegetale e il diabete di tipo 2 è ancora più vantaggioso quando si assumono solo cibi sani a base vegetale – come frutta, verdura, cereali integrali, legumi e noci, evitando cereali raffinati, amidi e zuccheri

“Abbiamo scoperto che mangiare diete vegetariane è stato associato con, in media, una riduzione del 23% del rischio di diabete” ha dichiarato il Dr. Qi Sun, professore associato del dipartimento di nutrizione presso la Harvard T.H. Chan School of Public Health di Boston e autore senior della ricerca.

“Abbiamo inoltre dimostrato che gli individui che hanno consumato una versione sana della dieta a base vegetale, concentrandosi sull’assunzione di frutta fresca, verdura, cereali integrali, noci e legumi, e riducendo al minimo l’assunzione di bevande zuccherate e carboidrati raffinati, hanno avuto un’ulteriore riduzione del 30% del rischio di sviluppare il diabete di tipo 2”, ha detto.

Ricordiamo che a livello globale, il diabete è in aumento, con il numero di persone affette che è salito da 108 milioni nel 1980 a 422 milioni nel 2014, secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità.

Il nuovo documento di studio ha comportato la revisione di nove studi precedentemente pubblicati sulle abitudini alimentari basate su piante e diabete di tipo 2 tra gli adulti. Tali studi hanno incluso un totale di 23.544 casi di diabete di tipo 2 e, dopo aver esaminato i dati in quelle analisi, i ricercatori hanno scoperto che una maggiore aderenza a una dieta a base vegetale è stata associata con un minor rischio di diabete di tipo 2 – e che era coerente in tutte le fasce di età e nonostante l’indice di massa corporea di una persona.

Naturalmente, è bene ricordare che c sono stati alcuni limiti nel nuovo articolo, tra cui che i dati dietetici negli studi sono stati basati su persone che si sono auto-reportate le loro abitudini alimentari, il che pone un rischio di affidabilità. Inoltre, è stata riscontrata solo un’associazione tra le diete a base vegetale e un minor rischio di diabete. Sono necessarie ulteriori ricerche per determinare se esiste effettivamente una relazione causale o meno.

“L’analisi supporta ciò che è stato segnalato prima, e cioè che le diete ad alto contenuto di fibre sono associate a un rischio ridotto di malattie cardiovascolari e metaboliche,” afferma Alexandra Johnstone, un ricercatore senior presso il Rowett Institute of Nutrition and Health dell’Università di Aberdeen in Scozia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi