Dimagrire in pausa pranzo: ecco cosa mangiare in ufficio

Comment

Benessere Salute
pausa pranzo

La pausa pranzo è diventata un’ossessione a causa del poco tempo? Magari, a ciò, si aggiunge anche la voglia di perdere qualche kg accumulato durante l’estate. Il risultato finale, quindi, è che preferite passarlo davanti al computer, magari mangiando un panino. Ecco, quindi, alcuni consigli utili per perdere peso mentre lavorate.

Prima di tutto dite addio ai panini imbottiti, e agli stuzzichini mangiucchiati durante le ore di lavoro: la prima regola d’oro è semplice, ovvero eliminare l’eccesso. Bevete, quindi, piccoli sorsi e molto spesso: ricordate che, secondo i nutrizionisti, il nostro corpo ha bisogno di almeno due litri di acqua al giorno.

Dite addio anche agli zuccheri raffinati, ai formaggi (tutti i tipi, anche quelli definiti light), alla pasta e al riso bianco. Via libera, invece, ai legumi, alle verdure, alla quinoa e ai cereali integrali. Questi ultimi hanno un notevole pregio: rilasciano gradualmente il glucosio, e ciò permette di sentirsi sazi ed appagati per molto tempo.

Le verdure, invece, hanno una proprietà unica: drenano perfettamente i liquidi, ed evitano la formazione dell’antiestetica cellulite (questo vale soprattutto per le donne). Infine, i legumi e la quinoa danno il giusto apporto di proteine al nostro corpo, senza per questo introdurre grassi in eccesso.

Infine, attenzione anche al condimento che utilizzate: l’olio extravergine di oliva è perfetto per condire tutti i tipi di piatti. Inoltre, è ricco di acidi grassi che regola il buon umore, e che protegge il cuore. Abbandonate definitivamente l’aceto, e puntate sul limone: quest’ultimo è un grande alleato naturale del corpo, e permette di assimilare meglio, durante i pasti, il ferro.

In definitiva, non avete più scuse per stare fermi davanti al pc: la pausa pranzo, grazie a questi semplici consigli, vi sembrerà meno pesante. Inoltre, in questo modo, affronterete con la pancia piena, e l’umore alle stelle, il lavoro pomeridiano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *