Dolore all’unghia dell’alluce: cosa fare per evitare problemi

Comment

Benessere
stairs-g0a056c644_1920-wowscienza

L’infiammazione ed il gonfiore dell’alluce sono problematiche molto serie che vengono spesso sottovalutate. Infatti, molte volte si tratta di una problematica temporanea che non richiede particolari attenzioni, ma in altri casi potrebbe essere il primo sintomo di una patologia ben più grave. Inoltre, occorre precisare che l’alluce gonfio, contrariamente a come si potrebbe pensare, può causare anche alcuni fastidiosissimi disagi come ad esempio difficoltà nel camminare, fare attività fisica ecc. Pertanto, onde evitare tutto questo, è fondamentale stare attenti e prestare attenzione anche ai segnali più banali.

Cause del gonfiore all’alluce

In genere, il gonfiore ed il rossore alle dita dei piedi hanno origine traumatica. Possono essere originati, ad esempio, da infortuni durante l’attività sportiva oppure dall’utilizzo di calzature troppo strette. Tuttavia, come già detto, il gonfiore all’alluce può indicare un’altra problematica. Ad esempio, se il gonfiore si presenta sulla parte laterale (il cosiddetto alluce valgo) con dolore dovuto principalmente alla pressione, potrebbero esserci delle microfratture. Se, invece, la zona indolenzita è quella dell’unghia, associata ad episodi di prurito, potrebbe esserci un’infiammazione dovuta ad un batterio, oppure un’unghia incarnita, causata principalmente dall’errato taglio delle unghie. In ogni caso, in tutte le ipotesi richiamate si avverte un dolore unghia alluce pressione, ovvero, appena viene toccata o, nei casi più gravi, sfiorata addirittura. Se il gonfiore dell’alluce si presenta nella prima falange, attraverso fitte improvvise e acute, potrebbe essere la conseguenza di un accumulo di acido urico, per via di insufficienza renale o alimentazione squilibrata. Se si percepisce anche una sensazione di calore, il gonfiore all’alluce potrebbe segnalare un principio di borsite, ovvero l’infiammazione delle sacche sierose situate in corrispondenza di tendini, ossa ed articolazioni.

Quando bisogna consultare un medico?

Come già detto, il gonfiore dell’alluce potrebbe avere cause differenti e non sempre il fai-da-te può essere una valida soluzione. Se l’origine del dolore è una botta o una lesione, in genere basta tenere il piede a riposo ed utilizzare calzature larghe e comode per non peggiorare la situazione. Se, invece, il problema si presenta in maniera improvvisa e non migliora con il passare del tempo, è preferibile rivolgersi al proprio medico di base oppure uno specialista, come il podologo. Il professionista in genere effettua un’analisi visiva della zona interessata, e in caso di necessità, prescrive ulteriori accertamenti come ad esempio i sistemi di diagnostica visiva (Raggi X, Risonanza Magnetica, Ecografia ecc.).

Curare l’alluce gonfio

Come sopra anticipato, in queste circostanze il fai da te potrebbe non essere la scelta migliore per risolvere il problema. Tuttavia, comprendere quali sono le cause dell’alluce gonfio e dolorante permette anche di individuare le cure necessarie per risolvere la problematica. In caso di infiammazioni o infezioni, in genere lo specialista raccomanda o prescrive l’utilizzo di farmaci antiinfiammatori o antibiotici, mentre se il problema principale è l’alluce deformato potrebbe essere necessario utilizzare dei tutori, dei plantari o altri rimedi correttivi. In alcuni casi, è possibile anche far ricorso alla chirurgia o sedute di laser. In attesa di curare definitivamente il problema, però, è possibile lenire il dolore con degli impacchi freddi per sgonfiare la zona interessata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi