La guerra alla droga, la nicotina e l’uso della sigaretta elettronica sempre più diffuso fra i giovani

Comment

Consigli utili
vaping-3576049__340

Dovremmo prendere del tempo per osservare che la “guerra alla nicotina” sta diventando qualcosa di molto più dannoso che utile per la società, in particolare quando si tratta di controllare l’uso della nicotina tra le popolazioni a rischio. Questa affermazione, che può sembrare paradossale, è assolutamente realistica in quanto il fenomeno della sigaretta elettronica online è argomento sempre più comune fra i giovani.

 

La riduzione dei danni provocati dal tabacco è un campo di ricerca, ma anche un fenomeno economico che promuove il rilascio più sicuro di nicotina ai consumatori dipendenti. Prodotti come le sigarette elettroniche e il tabacco da fiuto sono considerati tra le forme più pulite di rilascio di nicotina attualmente sul mercato. Le sigarette elettroniche, ad esempio, non contengono fiori di tabacco, ma il succo, che contiene nicotina derivante dal tabacco o varianti sintetiche della sostanza chimica. Abbinate ad aromi e ingredienti progettati per aiutare i fumatori a smettere di fumare, le sigarette elettroniche presentano rischi minimi rispetto al fumo tradizionale.

 

Si potrebbe pensare che la crescente popolarità del vapore nei Paesi sviluppati sia una buona cosa. Tuttavia, gli attivisti del controllo del tabacco considerano le sigarette elettroniche come un male assoluto. In risposta a tali preoccupazioni, Paesi come Stati Uniti e Australia sono caduti nel panico morale che descrive prodotti che hanno lo scopo dell’abbandono del fumo e il rilascio di nicotina più pulita come qualcosa che è tanto cattivo quanto fumare del mentolo. A causa dell’isteria e di opinioni a senso unico, un’industria partita con le migliori intenzioni lotta per sopravvivere a costi che hanno un impatto maggiore rispetto a quello che ricade su negozi e produttori.

 

La Food and Drug Administration (FDA) ha dichiarato l’esistenza di un’epidemia dell’utilizzo della sigaretta elettronica fra i giovani, l’agenzia optando per approcci normativi che minacciano l’accesso legale da parte degli adulti. In nome della “protezione dei bambini”, la FDA, altre autorità di regolamentazione e i legislatori a tutti i livelli di governo hanno adottato la cosiddetta crociata contro il vapore. Che si tratti di limitare sapori che a seguito di test scientifici hanno dimostrato di aiutare i fumatori a smettere o di lavorare per vietare l’intera categoria di prodotti, le ultime tendenze della politica  rivelano un’opposizione sistemica a tutto ciò che sfida lo status quo. Soprattutto per quanto riguarda la nicotina, i prodotti alternativi saranno sottoposti a un esame ritenuto ingiustificato a spese dei consumatori e della popolazione in generale.

 

I dati sanitari nazionali negli Stati Uniti mostrano un aumento del consumo di sigarette elettroniche tra i minori, ma un’analisi più approfondita rivela che una popolazione molto, molto piccola mostra sintomi di dipendenza grave dal consumo di nicotina. Il panico morale suscitato dalla dichiarazione di crisi della sanità pubblica, tuttavia, ha spinto i capi di governo a regolamentare ulteriormente l’uso dei prodotti tra i minori. Il vapore è ora interpretato come qualcosa di molto più pericoloso dell’uso di alcool da parte dei minori o dell’uso di sostanze proibite. Stando così le cose, i governi ritengono di dover introdurre una maggiore sorveglianza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi