Come funzionerà la pensione anticipata con il prestito delle banche

Comment

Lavoro

hand-588982_960_720Il governo, su intuizione dell’Inps, potrebbe cercare di ipotizzare una soluzione per favorire l’uscita anticipata dei lavoratori, senza gravare sulle casse statali. Ma in che modo?

La soluzione è offerta dalla modalità di pensione anticipata, con pagamento di quel che manca dei contributi attraverso un prestito della banca e mettendo il Tfr in garanzia. Una ipotesi alla quale il governo – sostengono i quotidiani – starebbe realmente lavorando pressato da più parti.

Nel dettaglio, il lavoratore comincerebbe ad incassare da subito un assegno ridotto per poi restituire quanto avuto in prestito a partire dal giorno in cui diventa effettivamente un pensionato, con assegno finalmente pieno, a tutti gli effetti. In questo schema il ruolo delle banche sarà cruciale e, aggiungiamo, ben coperto dalla garanzia del Tfr maturato, che rientra tra i beni ereditabili.

Non solo: un ruolo decisivo lo avrebbe anche lo Stato, pronto ad intervenire con sgravi fiscali sugli interessi per agevolare l’uscita dal lavoro di categorie sociali a reddito mediobasso. Ovvero, tutti quei dipendenti che, per effetto di alcune storture della riforma Fornero, spesso restano intrappolate in ufficio o in fabbrica senza potersene andare.

Vale infatti la pena ricordare – sottolineava il quotidiano Il Messaggero – che poter andare in pensione anticipata, la pensione lorda mensile non può essere inferiore a 2,8 volte l’assegno sociale, oggi pari a 448 euro. Dunque almeno 1.250 euro. Per ottenere invece l’assegno di vecchiaia, la previsione di pensione deve invece essere moltiplicata per una volta e mezzo quell’assegno: 670 euro. Livelli che potrebbero essere assicurati proprio con la formula del prestito previdenziale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi