Bennu, un asteroide colpirà la terra? Probabilità e date del possibile impatto

Comment

Tecnologia

Bennu è uno dei più pericolosi asteroidi conosciuti nel nostro sistema solare. Grazie alla visita di un veicolo spaziale della NASA, gli scienziati hanno una comprensione molto maggiore dell’asteroide vicino alla Terra, i suoi prossimi approcci più vicini alla Terra – e se potrebbe avere un impatto sul nostro pianeta.

I dati raccolti dalla missione OSIRIS-REx della NASA nel corso di due anni hanno infatti permesso di seguire con precisione i movimenti di Bennu fino al 2300, riducendo le incertezze che gli scienziati avevano sulla futura orbita dell’asteroide. I risultati mostrano che Bennu ha una probabilità di 1 su 1.750 di impattare la Terra fino al 2300 – più alta di quanto si pensasse in precedenza. Prima che OSIRIS-REx visitasse e studiasse Bennu, i ricercatori pensavano che la probabilità complessiva che Bennu impattasse la Terra entro il 2200 fosse 1 su 2.700.

Anche se questo significa che le probabilità sono maggiori che Bennu colpisca la Terra in futuro, i ricercatori non credono che il cambiamento sia abbastanza grande da preoccuparsi.

Non è un cambiamento significativo e la probabilità di impatto è più o meno la stessa“, ha detto l’autore principale dello studio Davide Farnocchia, uno scienziato del Center for Near Earth Object Studies della NASA. “In realtà ora abbiamo una conoscenza molto migliore della traiettoria di Bennu e siamo in grado di vincolare meglio quali sono i possibili percorsi di impatto. Penso che nel complesso la situazione sia migliorata e non sono più preoccupato di quanto lo fossi prima“.

Se Bennu dovesse impattare con la Terra, creerebbe un cratere da 10 a 20 volte la sua dimensione e causerebbe un’area di devastazione che potrebbe raggiungere 100 volte la dimensione del cratere, ha detto Lindley Johnson, responsabile della difesa planetaria della NASA.

La missione di difesa planetaria della NASA è quella di trovare e monitorare gli asteroidi e le comete che possono avvicinarsi alla Terra e possono costituire un pericolo per il nostro pianeta“, ha detto Kelly Fast, program manager per il Near-Earth Object Observations Program presso la sede della NASA a Washington, in una dichiarazione. “Portiamo avanti questo sforzo attraverso continue indagini astronomiche che raccolgono dati per scoprire oggetti precedentemente sconosciuti e perfezionare i nostri modelli orbitali per loro. La missione OSIRIS-REx ha fornito una straordinaria opportunità per raffinare e testare questi modelli, aiutandoci a prevedere meglio dove sarà Bennu quando farà il suo avvicinamento alla Terra tra più di un secolo”.

L’asteroide farà il suo prossimo avvicinamento alla Terra nel 2135. Mentre Bennu non si avvicinerà abbastanza da costituire una minaccia per la Terra, conoscere la sua esatta traiettoria può aiutare gli scienziati a capire meglio come la gravità del nostro pianeta cambierà la futura orbita dell’asteroide intorno al sole. Questo potrebbe anche influenzare le possibilità che Bennu impatti la Terra dopo il 2135.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi